Lettura quotidiana della Bibbia oggi 25 ottobre 2018.

0
9805

La nostra lettura della Bibbia quotidiana oggi dal libro 2 Cronache 13: 1-22 e 2 Cronache 14: 1-15. Letto e benedetto.

Lettura biblica quotidiana oggi.

2 Cronache 13: 1-22:

KINDLY GUARDA TUTTI I GIORNIPRAYERGUIDE TV SU YOUTUBE
ISCRIVITI ORA

1 Ora nel diciottesimo anno del re Geroboamo iniziò Abia per regnare su Giuda. 2 Regnò tre anni a Gerusalemme. Anche il nome di sua madre era Michaiah, figlia di Uriel di Gibeah. E ci fu una guerra tra Abia e Geroboamo. 3 E Abia mise in campo la battaglia con un esercito di valorosi uomini di guerra, perfino quattrocentomila uomini scelti: Geroboamo mise anche la battaglia in schiera contro di lui con ottocentomila uomini scelti, essendo potenti uomini di valore. 4 E Abia si alzò sul monte Zemaraim, che è sul monte Efraim, e disse: Ascoltami, Geroboamo e tutto Israele; 5 Non dovresti sapere che il Signore Iddio d'Israele diede per sempre il regno su Israele a Davide, perfino a lui e ai suoi figli mediante un'alleanza di sale? 6 Eppure Geroboamo, figlio di Nebat, servo di Salomone, figlio di Davide, è risuscitato e si è ribellato al suo signore. 7 E vi si radunano uomini vanitosi, figli di Belial, e si sono rafforzati contro Roboamo, figlio di Salomone, quando Roboamo era giovane e di buon cuore, e non poteva resistere. 8 E ora pensi di resistere al regno del Signore nelle mani dei figli di David; e sarete una grande moltitudine, e ci sono con voi vitelli d'oro, che Geroboamo ti ha fatto per gli dei. 9 Non avete cacciato i sacerdoti del Signore, i figli di Aaronne e i leviti, e vi avete resi sacerdoti secondo la maniera delle nazioni di altre terre? affinché chiunque venga a consacrarsi con un giovenco e sette montoni, lo stesso può essere un prete che non è un dio. 10 Ma quanto a noi, il Signore è il nostro Dio e non l'abbiamo abbandonato; e i sacerdoti, che ministrano al Signore, sono i figli di Aaronne, ei Leviti attendono i loro affari: 11 E bruciano al Signore ogni mattina e ogni sera bruciano sacrifici e dolce incenso: anche il pastore li mette in ordine il tavolo puro; e il candelabro d'oro con le sue lampade, da bruciare ogni sera: poiché manteniamo la carica del Signore nostro Dio; ma lo avete abbandonato. 12 Ed ecco, Dio stesso è con noi per il nostro capitano e i suoi sacerdoti con le trombe che suonano per gridare allarme contro di te. O figli d'Israele, non combattete contro il Signore Iddio dei vostri padri; poiché non prospererete. 13 Ma Geroboamo provocò un'imboscata dietro di loro: così furono davanti a Giuda e l'imboscata fu dietro di loro. 14 E quando Giuda guardò indietro, ecco, la battaglia era davanti e dietro: e gridarono al Signore, e i sacerdoti suonarono con le trombe. 15 Allora gli uomini di Giuda lanciarono un grido: e mentre gli uomini di Giuda gridavano, avvenne che Dio colpì Geroboamo e tutto Israele davanti ad Abia e Giuda. 16 E i figli d'Israele fuggirono davanti a Giuda: e Dio li diede loro in mano. 17 E Abia e il suo popolo li uccisero con un grande massacro: così caddero uccisi da Israele cinquecentomila uomini scelti. 18 In quel tempo i figli d'Israele furono messi sotto accusa, e prevalevano i figli di Giuda, perché facevano affidamento sul Signore Dio dei loro padri. 19 E Abija inseguì Geroboamo e prese città da lui, Betel con le sue città e Jeshanah con le sue città ed Efra con le sue città. 20 Neanche Geroboamo recuperò forza ai giorni di Abia: il Signore lo colpì e morì. 21 Ma Abia cresceva e sposò quattordici mogli e generò ventidue figli e sedici figlie.


2 Cronache 14: 1-15:

1 Così Abbia dormì con i suoi padri e lo seppellirono nella città di David: al suo posto regnò suo figlio Asa. Ai suoi tempi la terra era tranquilla per dieci anni. 2 E Asa fece ciò che era buono e giusto agli occhi del Signore suo Dio: 3 Poiché tolse gli altari degli strani dei e gli alti luoghi, abbatté le immagini e abbatté i boschi: 4 E comandò a Giuda di cercare il Signore Dio dei loro padri e di fare la legge e il comandamento. 5 Inoltre tolse da tutte le città di Giuda i luoghi alti e le immagini: e il regno era silenzioso davanti a lui. 6 E costruì città recintate in Giuda: poiché il paese aveva riposo, e non ebbe guerra in quegli anni; perché il Signore gli aveva dato riposo. 7 Perciò disse a Giuda: Costruiamo queste città e costruiamo attorno a esse mura e torri, porte e sbarre, mentre la terra è ancora davanti a noi; perché abbiamo cercato il Signore nostro Dio, lo abbiamo cercato e ci ha dato riposo da ogni parte. Così hanno costruito e prosperato. 8 E Asa aveva un esercito di uomini che mostrava bersagli e lance, da Giuda trecentomila; e da Beniamino, che spogliavano gli scudi e disegnavano archi, duecentoquattromila: tutti questi erano potenti uomini di valore. 9 E contro di loro uscì Zera, l'Etiope, con una schiera di mille mila e trecento carri; e venne a Mareshah. 10 Allora Asa uscì contro di lui e misero in campo la battaglia nella valle di Zefat a Maresha. 11 E Asa gridò al Signore, suo Dio, e disse: Signore, non c'è nulla con te per aiutare, sia con molti, sia con loro che non hanno potere: aiutaci, Signore nostro Dio; poiché riposiamo su di te e nel tuo nome andiamo contro questa moltitudine. O Signore, tu sei il nostro Dio; non far prevalere l'uomo contro di te. 12 Così il Signore percosse gli etiopi davanti ad Asa e davanti a Giuda; e gli etiopi fuggirono. 13 E Asa e il popolo che era con lui li inseguirono fino a Gerar; e gli etiopi furono rovesciati, per non poter riprendersi; poiché furono distrutti davanti al Signore e davanti al suo esercito; e hanno portato via molto bottino. 14 E colpirono tutte le città intorno a Gerar; poiché il timore del Signore si abbatté su di loro e rovinarono tutte le città; poiché in essi c'era molto più che vizio. 15 Colpirono anche le tende del bestiame, portarono via in abbondanza pecore e cammelli e tornarono a Gerusalemme.

 

KINDLY GUARDA TUTTI I GIORNIPRAYERGUIDE TV SU YOUTUBE
ISCRIVITI ORA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.